LE INTERVISTE DI NATALE: MARTA RENO’ – L’ESPERIENZA DEL TORNEO DI VIENNA VISSUTA DA UNA PROTAGONISTA

A conclusione del torneo di Vienna, ci è sembrato doveroso, pubblicare alcune considerazioni della nostra inviata/giocatrice Marta Renò, playmaker della under 18 femminile, che ha reso possibile un aggiornamento costante e puntuale delle gare disputate dalla sua squadra.

Marta, scende il sipario sul 29° torneo Basketball Wien Easter Tournament, decrivi le tue impressioni …

Allora, eccomi qui, a raccontare di una settimana dal valore inestimabile sotto l’aspetto sportivo, ma soprattutto umano.

Raccontaci allora di questo torneo:

Non voglio raccontare di chi alla fine ha vinto il torneo, seppur meritatamente, ma della soddisfazione che ha guadagnato la nostra formazione da questa esperienza, che viene dopo un campionato non facile per noi.

Sei/siete soddisfatte della vostra prestazione?

Noi ragazze della U18 Femminile ne usciamo soddisfatte per il risultato ma soprattutto per la bellissima esperienza portata a casa dopo 5 giorni vissuti tra Basket e divertimento. 5 giorni che hanno contribuito alla nostra coesione di squadra, condividendo notte e giorno spazi ed episodi divertenti, ma anche sfida, competizione, amicizia, fatica, passione.

Mi pare di capire che è stata quindi una esperienza indimenticabile. Vuoi ringraziare qualcuno?

Ho vissuto in prima persona una delle avventure più belle della stagione. Non posso chiudere questa breve intervista senza salutare e ringraziare chi ha reso possibile questa esperienza, partendo ovviamente dai protagonisti principali, la Polisportiva Casarsa e i suoi dirigenti, senza dimenticare chi ha reso tutto più speciale con la sua presenza: grazie a Laura De Marchi e alla nostra Silvia Spadaro che ci ha seguite anche durante il campionato.

Non mi resta che ringraziare infinitamente Marta per la disponibilità, per averci resi partecipi della sua straordinaria esperienza e per il suo prezioso contributo come “inviata all’estero”. In futuro vorremmo continuare questa collaborazione per sfruttare la sua capacità e predisposizione nel raccontare gli eventi magari per commentare qualche gara di campionato.