Le Regole del Minibasket

testa_MB_700x90

Il minibasket è un giocosport e come tale deve rispondere alle esigenze di crescita psicologica e fisiologica del bambino, rispettando e promuovendo la sua creatività ed il suo bisogno di socializzazione.
Come tutti i giochisport necessita di un regolamento che uniformi e codifichi i comportamenti e le azioni dei giocatori.
Le regole vengono spontaneamente richieste dal bambino stesso, che lentamente prende coscienza che esse non sono un fatto restrittivo ed autoritario dei “grandi”, per limitare la sua esuberanza e la sua libera creatività, ma sono una condizione indispensabile per giocare meglio e divertirsi di più (*).

Articolo 1: Il gioco

Il Minibasket è un giocosport ispirato alla pallacanestro ed è riservato alle bambine ed ai bambini che abbiano un’età compresa fra i 5 e gli 11 anni all’atto dell’iscrizione al settore Minibasket F.I.P.

Articolo 11: Durata della partita

La partita 5 contro 5 consta di 4 tempi, della durata di 8’ ciascuno.
Tra il 1° e il 2° tempo e tra il 3° ed il 4°, deve essere sempre osservato un minuto di riposo; tra il 2° e il 3° tempo devono essere osservati cinque minuti di riposo.
Durante la partita il conteggio del tempo va effettuato senza mai arrestare il cronometro, salvo in occasione di ogni fallo personale e solo per le cat. Aquilotti e Gazzelle), dell’effettuazione di tiri liberi e della rimessa a due, dei minuti di sospensione ed ogni qualvolta il miniarbrito lo ritenga opportuno (…).

Articolo 17: Come giocare la palla

Nel minibasket palla deve essere giocata con le mani: puo’ essere passata, lanciata, o palleggiata in qualsiasi direzione, nei limiti previsti dalle regole del gioco. Colpire il pallone con il pugno o con il piede, costituisce una violazione. Se nel corso del gioco, la palla tocca accidentalmente il piede, la gamba o  altra parte del corpo di un giocatore, non si verifica alcuna violazione.

(*): Tratto da “Guida Minibasket & Regolamento del Gioco 2004/2005” – FIP Settore Scolastico Minibasket – 2004

Articolo 2: Scopo del gioco

Lo scopo di ogni squadra è quello di lanciare la palla nel canestro avversario e di impedire alla squadra avversaria di impossessarsi dela palla o di realizzare un canestro rispettando le regole del gioco.
Un incontro di Minibasket si disputa fra due squadre composte da un minimo di  10 fino ad un massimo di 12 giocatori.
Date le finalità educative del gioco, tutti i giocatori, di ciascuna squadra, debbono obbligatoriamente prendervi parte. (…).

Articolo 19: Avanzare con la palla

Un giocatore non può camminare né correre con la palla in mano, può spostarsi per il campo palleggiando con una mano sola. In possesso di palla può eseguire sue passi sul terreno, ma deve liberarsi della palla prima di eseguire un terzo passo. Un giocatore non può: palleggiare con due mani; accompagnare la palla con la mano mentre palleggia; iniziare di nuovo a palleggiare dopo essersi arrestato con la palla tra le mani.

Articolo 28: Spirito del gioco

Nel Minibasket il giocatore deve dare, in ogni momento ed in ogni azione, prova di correttezza e sportività (…).
I giocatori, che sono alternativamente attaccanti e difensori, devono cercare di non urtare i loro avversari. Non si deve mai dimenticare che l’avversario è un compagno di gioco.
Nel minibasket non si può difendere a zona, pertanto è obbligatoria la difesa individuale (anche in situazione di inferiorità numerica). (…)

Per tutte le altre regole vi rimandiamo al regolamento ufficiale dal quale sono stati tratti i brani precedenti e che potete scaricare cliccando sul link riportato sotto.

Icon
REGOLAMENTO DI GIOCO DEL MINIBASKET - AS 2016-2017